Video della tavola rotonda “Quale formazione per i professionisti del patrimonio?”

ABB sfondo formazioneLa registrazione video della tavola rotonda “Quale formazione per i professionisti del patrimonio?”, tenutasi il 12 gennaio 2015 presso il Salone del Consiglio Nazionale del MiBACT, è on-line.

L’incontro, durante il quale è stato presentato l’Annale 23 dell’Associazione Bianchi Bandinelli, che contiene gli atti del convegno “L’Italia dei beni culturali: formazione senza lavoro, lavoro senza formazione”, ha affrontato il tema della formazione. In una seconda tavola rotonda, prevista per il mese di marzo, si affronteranno i temi più specificamente riguardanti la situazione occupazionale dei professionisti del patrimonio in Italia.

Guarda il video

Collegamento al canale Youtube dell’Associazione Bianchi Bandinelli 

Interventi – Meglio le Olimpiadi dei musei? (di Lucinia Speciale)

Caro Ministro del Turismo e dei Beni Culturali, quotidiani e tg aprono i notiziari con la legge di stabilità e con un programma di lungo periodo per l’economia: l’Italia chiede che gli investimenti per le Grandi Opere siano esclusi dai vincoli di bilancio e lancia la candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2024.

Questo delle Olimpiadi è un mantra che periodicamente torna nella politica italiana. Lo ha evocato Ignazio Marino in uno dei suoi primi discorsi da sindaco, lasciandolo poi saggiamente decadere, ma se ne parlava già nell’autunno 2011. Uno dei pochi segnali positivi del governo Monti fu quello di accantonare il progetto di Roma 2020, rilevando che ad innescare la crisi greca erano stati i rovinosi sprechi delle Olimpiadi. Chi conosce Roma, ha familiarità con i patetici relitti degli appalti messi in opera con il pretesto delle manifestazioni sportive di questi ultimi decenni. Opere non indispensabili, realizzate in deroga alla normativa vigente, che sono costate cifre assai superiori a quelle preventivate e un certo numero di morti sul lavoro. Valga per tutte la stazione metropolitana di Vigna Clara, costruita in occasione di Italia 90 e poi battezzata Onient Express perché mai più utilizzata.

Continua a leggere

12 gennaio 2015 – Tavola rotonda “Quale formazione per i professionisti del Patrimonio?”

Annale 23 copertinaL’Associazione Bianchi Bandinelli, in occasione della presentazione dell’Annale n. 23, che raccoglie gli atti del convegno Formazione senza lavoro, lavoro senza formazione, promuove una tavola rotonda dedicata al tema “Quale formazione per i professionisti del patrimonio?”.

L’incontro si terrà presso la sede del Collegio Romano del MiBACT. Introdurrà Marisa Dalai Emiliani; parteciperanno Carla Barbati e Gennaro Toscano; le conclusioni saranno affidate a Giuliano Volpe.

Nel mese di marzo 2015 è previsto un secondo incontro sul tema “Quale lavoro per i professionisti del patrimonio?”

Scarica l’invito

Interventi – Così scompare il patrimonio demoetnoantropologico (di Paola Elisabetta Simeoni)

Gubbio, Festa dei ceri

Gubbio, Festa dei ceri

Il patrimonio  demoetnoantropologico è di fatto nuovamente scomparso nella riorganizzazione del MiBACT. Confuso come nei tempi più bui del Ministero con la storia dell’arte e con l’archeologia, è considerato subalterno alle altre categorie di beni, così come subalterne sono le sue radici culturali rispetto alla cultura dominante, a denotare il pericoloso clima antidemocratico delle politiche culturali attuali.

L’antropologia culturale è ambito scientifico che ha in Italia un ricco bagaglio di pensiero e un ricco patrimonio, è una disciplina trasversale di interpretazione dei fenomeni culturali.

Continua a leggere

Interventi – Caro Ministro, grazie, ma le sue risposte non convincono (di ABB)

Anzitutto un ringraziamento al Ministro per la pronta risposta alle dieci domande che l’Associazione Bianchi Bandinelli gli ha inoltrato, fatto che denota quanto meno attenzione al dibattito che si sta sviluppando nel nostro Paese.

Restano però aperte le questioni di fondo. Il Ministro parla di una riforma che il Paese aspettava da decenni, senza sapere però che l’unica grande vera riforma sarebbe stata quella dell’aumento delle risorse economiche e del personale per il Ministero: la rivoluzione (questa sì) che il Paese aspettava da decenni. Si può obiettare che in un periodo di crisi si doveva operare necessariamente una revisione della spesa, ma proprio nei periodi di crisi – la storia dovrebbe insegnare – gli investimenti pubblici hanno sostenuto la ripresa, e il nostro patrimonio culturale aveva e ha tuttora solo bisogno di risorse per generare altre risorse, come studi economici autorevoli e condivisi affermano da tempo.

Continua a leggere

13 dicembre 2014 – il Ministro Franceschini risponde alle dieci domande sulla riforma del MiBACT

Riceviamo e pubblichiamo, ringraziandolo per l’attenzione, la risposta del Ministro Dario Franceschini alle dieci domande sulla riforma del MiBACT dell’Associazione Bianchi Bandinelli.

Accolgo con piacere la opportunità di rispondere alle 10 domande indirizzatemi dall’Associazione Bianchi Bandinelli. Alcune non riguardano la Riforma del Ministero attuata con il dPCM n. 171 del 2014, ma sono ben lieto di fornire comunque elementi di risposta.

1.Sa il ministro Dario Franceschini come sono state ridotte le strutture che gestiscono i musei e i luoghi della cultura del nostro paese? Sa il ministro che il personale scarseggia drammaticamente e che un’organizzazione burocratica rende la gestione quotidiana e la programmazione di ogni attività una corsa a ostacoli?

Sì, lo so bene. E proprio per questo abbiamo operato una riforma che il Paese attendeva da decenni. Lo strumento a disposizione non consentiva di intervenire sulle dotazioni organiche, anzi, ne presupponeva la riduzione. Il prossimo passo sarà proprio quello di investire in formazione in nuove assunzioni. Proprio per questo la riforma ha previsto una apposita Direzione Educazione e Ricerca. Ho trovato un Ministero che investiva 36.000 euro l’anno in formazione. Tutto questo, con la riforma, cambierà.

Continua a leggere

Interventi – Franceschini ieri e oggi (di Claudio Gamba)

Dario e Commissione FranceschiniNel 2014, mentre il Ministero dei beni culturali stava approntando una serie di discutibili provvedimenti e riforme, è passato sotto silenzio il cinquantesimo anniversario della Commissione Franceschini. Per gli addetti ai lavori non ci sarebbe da aggiungere molto: è stata la più ampia e qualificata discussione sulla situazione dei beni culturali in Italia. E sottolineo “beni culturali” perché proprio in quell’occasione entrò nella nostra legislazione l’espressione già diffusa in ambito internazionale e si fissò il nuovo concetto estensivo di cultura come testimonianza di civiltà. Fino a quel momento si parlava di “antichità e belle arti” e oggi, non si sa se per nostalgica romanticheria o beata ignoranza, si è tornati a usare quelle desuete parole, scalciate via da un secolo di riflessioni estetiche, critiche e metodologiche.

Continua a leggere

8 dicembre 2014 – “Caro signor Ministro…” Dieci domande a Dario Franceschini sulla riforma del MiBACT

Dario_Franceschini_daticamera1. Sa il ministro Dario Franceschini come sono state ridotte le strutture che gestiscono i musei e i luoghi della cultura del nostro paese? Sa il ministro che il personale scarseggia drammaticamente e che un’organizzazione burocratica rende la gestione quotidiana e la programmazione di ogni attività una corsa a ostacoli?

2. Non sarebbe più sensato, signor ministro, riformare le strutture museali e metterle in condizioni di lavorare al meglio invece di sganciarle dalle soprintendenze pensando che un grande direttore venuto dall’estero possa governare una macchina che funziona così male? Lei sa che all’estero i direttori sono affiancati da strutture amministrative e finanziarie forti e che tali strutture da noi non esistono?

Continua a leggere

4 dicembre 2014 – Adesioni e appuntamenti per il 2015

cropped-Logo_ass-bianchi-bandinelli_foto.jpgSono aperte le iscrizioni all’Associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli per l’anno 2015.

Gli interessati potranno iscriversi o rinnovare la propria adesione attraverso le modalità indicate alla pagina dedicata, oppure personalmente in occasione degli incontri pubblici organizzati dall’Associazione stessa.

I soci saranno resi partecipi delle attività in corso attraverso messaggi di posta elettronica, potranno prendere parte all’Assemblea generale e alle numerose iniziative previste per il nuovo anno (vedi elenco più oltre), alcune delle quali riservate ai soli iscritti. Riceveranno inoltre i volumi pubblicati nel corso dell’anno e potranno richiedere gli arretrati.

Scarica la lettera ai soci scritta dal Presidente, Vezio De Lucia 2014.08_lettera ai soci

Continua a leggere

30 novembre 2014 – Pubblicazione dell’Annale n. 23 “L’Italia dei beni culturali. Formazione senza lavoro, lavoro senza formazione”

Annale 23 copertinaÈ appena stato pubblicato l’Annale n. 23 dell’Associazione Bianchi Bandinelli con gli atti del convegno L’Italia dei beni culturali. Formazione senza lavoro, lavoro senza formazione.

Il volume raccoglie, con le relazioni e tutti i contributi alle tavole rotonde rivisti e aggiornati, una sezione di testimonianze sul precariato e una ricca appendice documentaria con le recenti normative (2010-2014).

Il nuovo Annale sarà presentato a Roma il 12 gennaio 2015 presso il Salone del Consiglio Superiore al Collegio Romano il 12 gennaio 2015.

Collegamento alla pagina dedicata all’Annale n. 23 – 2014

Scarica Sommario e Premessa del volume in pdf

29 novembre 2014 – L’Associazione Bianchi Bandinelli aderisce alla manifestazione “Cultura è lavoro”

29novlogomanifestazioneIl 29 novembre i professionisti dei Beni Culturali scendono in piazza, per la seconda volta nel 2014, dopo la manifestazione di gennaio “500 no al MiBACT”, per dare voce alle esigenze comuni di archeologi, archivisti, bibliotecari, restauratori e storici dell’arte e sfidare il Governo sulle politiche culturali e sulla valorizzazione del patrimonio storico-artistico.

Continua a leggere

10 dicembre 2014 – “Una vita per il restauro”. Giornata in ricordo di Giuseppe Basile

cavallo-raivela AssisiL’Associazione Bianchi Bandinelli, in collaborazione con l’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro e con l’Istituto Nazionale per la Grafica, promuove per mercoledì 10 dicembre 2014 una giornata per ricordare Giuseppe Basile, ad un anno dalla scomparsa.

Collegamento alla pagina sul convegno

Continua a leggere

24 novembre 2014 – Il destino di archivi e biblioteche con la riforma del MiBACT

L’Associazione Bianchi Bandinelli torna a riflettere sugli effetti negativi della riforma del MiBACT attualmente in corso, denunciando la grave situazione che si va delineando per alcuni settori del Ministero, che rischia di  portare ad un significativo ridimensionamento dell’intero sistema degli istituti archivistici e ad un sostanziale smantellamento delle biblioteche pubbliche statali, mettendo a rischio la stessa sopravvivenza di istituti che rappresentano l’identità e la memoria della nostra storia e della nostra comunità civile.

Scarica il documento su Il destino di archivi e biblioteche con la riforma del MiBACT ABB_ArchiviBiblioteche_24nov2014

14 novembre 2014 – Comunicato sulla proposta di ripristino dell’arena del Colosseo

COLOSSEO: AL VIA BANDO 25 MLN PER CERCARE SPONSOR RESTAUROL’Associazione Bianchi Bandinelli esprime in un comunicato la propria posizione in merito alla proposta di ripristino dell’arena dell’Anfiteatro Flavio, oggetto di molta attenzione da parte dei media negli ultimi giorni. L’Associazione ritiene che l’enfasi con la quale il ministro ha sponsorizzato la proposta riveli una tendenza alla spettacolarizzazione mediatica del tutto inadeguata alle gravissime difficoltà che investono il patrimonio.

Leggi il comunicato Comunicato Colosseo 14nov2014

11 novembre 2014 – Comunicato sull’affidamento ai privati dei servizi aggiuntivi nei Musei statali

LogoComitatoperlabellezzalogoABB_capitelloL’Associazione Bianchi Bandinelli e il Comitato per la Bellezza hanno oggi diffuso un comunicato riguardante l’affidamento dei servizi aggiuntivi dei musei e siti archeologici statali a operatori privati.

Le concessioni a società private e cooperative dei servizi aggiuntivi (biglietteria, prenotazioni, librerie, bar e ristoranti, ecc.) nei musei statali sono infatti scadute da cinque anni, ma da allora nessun ministro ha saputo o ha voluto rinnovarle.  Oggi si va incontro ad una probabile sesta proroga.

Testo del Comunicato AABB-Bellezza Comunicato servizi agg. 11nov2014