Riorganizzazione MIBAC e soppressione istituti autonomi

Roma, 14 giugno 2019

Comunicato stampa

 

Italia Nostra e l’Associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli esprimono forte preoccupazione per quanto appreso in merito alla soppressione degli Istituti autonomi del Parco Archeologico dell’Appia Antica, del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, della Galleria dell’Accademia di Firenze e del Castello di Miramare di Trieste.

Tale previsione, contenuta nella bozza di DPCM sulla riorganizzazione del Ministero, appare sostanzialmente priva di una meditata valutazione della riforma attuata dal precedente Ministro sull’intero assetto organizzativo delle Soprintendenze uniche, dei Poli Museali e degli Istituti autonomi. Nella bozza manca anche ogni puntuale riferimento circa la futura destinazione di questi Istituti e questo crea ulteriori elementi di forte preoccupazione e perplessità.

Si chiede quindi la Ministro Bonisoli di voler  approfondire la questione, riconsiderando l’ipotesi, fornendo all’opinione pubblica spiegazioni su quanto si è appreso al fine di evitare che decisioni così importanti creino ulteriori irreversibili danni alla tutela di un patrimonio di rilevanza internazionale, già fortemente danneggiato, nell’immagine, dalle notizie riportate dalla stampa: beni di fatto declassati, ignorando secoli di storia e di impegno, trattati alla stregua di merce a cui si è tolta la dignità che meritano.

La proposta di modifica si inserisce oggi, dopo anni di caos determinato dalla precedente riforma, in un contesto già fortemente colpito, dove per nessuno – si ribadisce per nessuno – degli Istituti autonomi, come per i Poli museali e per le Soprintendenze uniche, si è prevista una soluzione al gravissimo problema della salvaguardia e conservazione degli archivi documentali e dei materiali nei depositi: fonti uniche ed essenziali per la ricerca, la buona gestione della tutela e la conoscenza di beni per loro natura irripetibili, peraltro oggetto di attenta considerazione in Convenzioni internazionali, sia in ambito Unesco che Consiglio d’Europa (convenzioni ratificate dall’Italia).

Entrare a gamba tesa nella organizzazione di settori così delicati e rilevanti, sacrificando la cura e la valorizzazione del patrimonio culturale del Paese, non può che comportare ulteriori forti scompensi. Italia Nostra e l’Associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli si appellano al Ministro affinché ascolti le Associazione e i lavoratori tutti e vedrà quante utili riflessioni sarà poi in grado di maturare per decidere, evitando che, ancora una volta, tutto si infranga sulla spiaggia delle occasioni perdute

In particolare per le incognite legate al futuro del Parco Archeologico dell’Appia Antica che, persa la sua autonomia appena conquistata, rischia lo smembramento addirittura tra due Soprintendenze, Italia Nostra non potrà che mobilitarsi. Scenderà in campo con un’iniziativa pubblica organizzata dalla sezione di Roma, che ha intrecciato mezzo secolo e più della sua stessa storia e l’impegno dei suoi Presidenti, dirigenti e intere generazioni di soci, in azioni costanti di salvaguardia e tutela di un Bene che il mondo ci invidia.

Mariarita Signorini
Presidente Nazionale Italia Nostra

Rita Paris
Presidente Associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli

 

Scarica il comunicato

20 giugno 2013 – Seminario su SBN: come rilanciare il Servizio Bibliotecario Nazionale

logo_aibOrganizzato dall’Associazione Italiana Biblioteche – AIB –, si è tenuto a Roma con grande successo e partecipazione di un pubblico numeroso, proveniente da tutta Italia, alla presenza di Rossana Rummo,  Direttore Generale per le Biblioteche, gli Archivi, gli Istituti culturali e il Diritto d’Autore del MiBAC, un Seminario che ha proposto in chiave attuale le criticità, ma anche le ipotesi di riforma di SBN, la  principale infrastruttura di servizio bibliografico e bibliotecario del Paese, gravemente carente di risorse e di una progettualità consona alle sfide tecnologiche, alle esigenze di una comunicazione sempre più aperta alla rete e all’indispensabile coinvolgimento in programmi europei e internazionali. Giovanna Merola, già direttrice di SBN e membro del nostro Direttivo, ha tenuto una delle relazioni introduttive sul tema: “Alle origini di SBN. L’azione di Angela Vinay e di Michel Boisset”.

 

Testo della relazione di Giovanna Merola: G.Merola-Alle origini di SBN

25 febbraio 2013 – Documento ABB “L’Italia dei Beni culturali: i nodi del cambiamento”

L’Associazione “R. Bianchi Bandinelli”, in continuità e coerenza con la sua storia, a cui hanno dato impulso intellettuali e politici come Giulio Carlo Argan e Giuseppe Chiarante, indica in sintesi alcune delle proposte contenute in un più ampio Documento-Dossier che verrà consegnato al futuro Ministro dei Beni culturali e del paesaggio e alle forze politiche, per affrontare i problemi nodali di una politica per il Patrimonio culturale da troppo tempo latitante in Italia. Le proposte muovono da un’analisi critica della realtà attuale e prevedono sia azioni immediate e concrete, sia un progetto di profondo rinnovamento da realizzare a medio-lungo termine, in una prospettiva più generale che investa tutti gli aspetti della Cultura del Paese.

Pagina con il documento

Scarica il documento con le proposte in sintesi: 2013-02-25_ABB_proposteBC

30 novembre 2011 – Ornaghi ministro e Cecchi sottosegretario

L’Associazione Bianchi Bandinelli ha appreso con soddisfazione della nomina del Segretario generale del Mibac, Roberto Cecchi, alla carica di Sottosegretario per i beni e le attività culturali. Siamo certi che la sua competenza tecnica e la profonda conoscenza del Ministero gli permetteranno di affiancare ottimamente l’opera del nuovo Ministro Lorenzo Ornaghi. A entrambi rivolgiamo l’augurio di buon lavoro e il pressante invito ad arginare i problemi del patrimonio culturale in Italia, rilanciandone il ruolo strategico, come auspicato anche nella lettera al Presidente Napolitano del 15 novembre, sottoscritta dalla nostra Associazione.

15 novembre 2011 – Appello a Napolitano “Per il titolare dei Beni Culturali alta competenza e netta discontinuità”

L’Associazione Bianchi Bandinelli hasottoscritto insieme al Comitato per la Bellezza, a Italia Nostra, al WWF-Italia e a banner_abb_miniEddyburg, una lettera al Presidente della Repubblica: “Per il titolare dei Beni Culturali alta competenza e netta discontinuità”. Nella lettera si chiede che venga scelta una personalità in grado di rispondere alla desolante situazione del MiBAC, con “risorse ridotte al livello della mera sopravvivenza, investimenti ormai quasi inesistenti, tecnici ministeriali, in assenza di concorsi, drammaticamente insufficienti di numero oltre che anziani, promosse ad alti livelli dirigenziali persone bocciate nei rari concorsi ledendo ogni meritocrazia, decine di Soprintendenze gestite pertanto ad interim, commissariamenti diffusi e in più di un caso altamente dannosi, co-pianificazione paesaggistica Ministero-Regioni praticamente ferma in un Belpaese aggredito dalla speculazione, educazione sempre più inadeguata al rispetto e alla fruizione del patrimonio storico-artistico e del paesaggio”.

Testo integrale della lettera: 2011-11-15_Governo_Monti_Appello_Napolitano

10 giugno 2011 – Appello al Ministro Galan per salvare l’architettura del secondo Novecento

logo_assotecniciLogoComitatoperlabellezzalogoABB_capitelloL’Associazione Bianchi Bandinelli, insieme a Comitato per la Bellezza e Assotecnici ha rivolto un pressante Appello al ministro per i Beni e le Attività Culturali Giancarlo nervi_palazzettoGalan affinché faccia tutto il possibile per evitare che gli edifici costruiti in Italia a partire dagli anni ’40 siano sottratti alla tutela delle Soprintendenze. Questi sarebbero gli effetti disastrosi del Decreto legge per il rilancio dell’economia che consente, di fatto, alle proprietà immobiliari di fare quello che vogliono anche dell’architettura “firmata”che abbia meno di 70 anni (contro i 50 prescritti della legislazione precedente, fino al Codice). Per effetto di tali modifiche alcuni tra gli interventi più significativi dell’architettura del secondo Dopoguerra, qualora non siano già stati sottoposti a tutela prima del 14 maggio 2011, risulterebbero esclusi, per legge, dal regime di salvaguardia finora vigente, tra cui opere importanti di autori quali Gardella, BBPR, Libera, Moretti, Quaroni, Scarpa, Michelucci, i numerosi e significativi interventi realizzati in occasione delle Olimpiadi di Roma del 1960, con opere dell’ingegno riconosciute in ambito internazionale.

Testo dell’appello: 2011-06-10_appello_Galan_architettura-900

È possibile firmare la petizione online:http://www.activism.com/it_IT/petizione/salviamo-larchitettura-italiana-del-secondo-novecento/5010

7 maggio 2011 – MiBAC un nuovo ministro, un nuovo sottosegretario e un consigliere

logo_Mibac-quadgalanAd aprile avevamo aggiornato la pagina che elenca tutti i Ministri dei Beni culturali (e prima dell’Istruzione) con il nuovo nominato Giancarlo Galan e ora abbiamo integrato l’elenco con il nuovo Sottosegretario Riccardo Villari, che si affianca a Francesco Giro. Confidiamo che con le nuove nomine si intervenga tempestivamente per arginare gli errori, l’abbandono e la penuria di fondi in cui sono stati lasciati i beni culturali da parte di questo Governo. Intanto è di pochi giorni fa la notizia che Franco Miracco, da anni portavoce di Galan, è stato ufficialmente nominato suo consigliere istituzionale. Miracco si è laureato con Giulio Carlo Argan e ne fu per qualche tempo collaboratore; ci è allora sembrato opportuno ripescare un articolo che scrisse in occasione della nomina di Argan a Sindaco di Roma, uscito su “Paese Sera” il 12 agosto 1976 (Argan maestro e intellettuale), sperando che non ci si dimentichi del tutto della lezione del fondatore della nostra Associazione.

Articolo di Franco Miracco su Argan (Paese Sera, 1976)

Ministri e Sottosegretari responsabili delle Antichità e Belle Arti e dei Beni Culturali (1861-2011)

 

 

7-8-9 aprile 2011 – A Cosenza un Convegno su Argan

LogoCarrino_ridottologo_Mibac-quadGiovedì 7 e venerdì 8 aprile 2011 si terrà a Cosenza un Convegno di studi su “Giulio Carlo Argan: l’impegno politico, la storia dell’arte, i beni culturali” (Cosenza, Palazzo Arnone, Salone delle Udienze). Il Convegno è promosso dalla Soprintendenza BSAE della Calabria in collaborazione con il Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Giulio Carlo Argan (Curatori: Fabio De Chirico e Alessandra Anselmi). Dopo i saluti istituzionali sono previsti interventi di Marisa Dalai Emiliani, Maria Vittoria Marini Clarelli, Rosalia Varoli-Piazza, Renato Nicolini, Valentina Russo, Claudio Gamba, Fabio De Chirico, Michela Di Macco, Roberto Banchini, Fabrizio Scrivano, Marcello Fagiolo, Ninì Santoro, Stefano Gallo, Alessandra Anselmi. Il Convegno si concluderà nella mattinata del 9 aprile con la visita alla Galleria Nazionale di Cosenza.

Info: Sito su Argan

25 novembre 2010 – Appello di 600 intellettuali al presidente Napolitano

BONDI-fantasmaCOMUNICATO STAMPA ”No alla morte della cultura”: è l’accorato appello che 600 intellettuali italiani e stranieri hanno firmato e lanciato questa mattina dalla Sala Nassirya del Senato al Presidente della Repubblica Napolitano. Promosso dall’Associazione Nazionale dei Tecnici per la Tutela dei Beni Culturali e Ambientali, insieme con l’Associazione Ranuccio Bianchi Bandinelli, l’Associazione Culturale Silvia Dell’Orso, l’Associazione Nazionale Archeologi, il Comitato per la Bellezza, Italia Nostra, la Rete dei Comitati per la difesa del territorio, l’appello sottolinea quanto ”la misura sia colma, considerata l’inadeguatezza nella gestione del più grande patrimonio del mondo”.  I firmatari, illustrando questa mattina la gravissima situazione in cui versa il Ministero dei Beni Culturali, ormai al collasso – gli stanziamenti per i beni culturali sono solo 0,20% del bilancio dello Stato, contro 0,90% della Francia e 1,20% in Inghilterra, e i clamorosi errori commessi nel patrimonio dell’Aquila post-terremoto e di Pompei, chiedono pertanto le dimissioni di Sandro Bondi definito un “Ministro fantasma”, autentico liquidatore del MiBAC.   

Il Ministro ha replicato con un furente e inconsistente comunicato.

Pagina sull’Appello e la conferenza stampa (aggiornata al 30-12-2010)

24 ottobre 2009 – Invito a firmare due petizioni: DEA (Antropologi)

simbdeaL’Associazione Bianchi Bandinelli invita a sottoscrivere due Appelli apparsi in rete in questi giorni:

Petizione on line per protestare contro la proposta di abolizione della figura del DemoEtnoAntropologo dai profili professionali del Mibac. Contro la trattativa tra Ministero dei Beni Culturali ed i sindacati del settore per la riorganizzazione delle figure professionali all’interno del Ministero, che rischia di produrre la cancellazione del profilo professionale DEA nell’ambito dei beni culturali.

Petizione

Link al sito DEA

20 luglio 2009 – Insediato il Comitato Nazionale Argan

argan_LogoCarrino_ridottoLunedì 20 luglio 2009 si è insediato il Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Giulio Carlo Argan. La proposta di istituzione è stata promossa dall’Associazione Bianchi Bandinelli. La cerimonia è avvenuta presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali alla presenza del Direttore Generale per i beni librari, gli istituti culturali ed il diritto d’autore. Durante l’incontro sono stati eletti il Presidente Prof. Antonio Pinelli e il Segretario tesoriere Prof.ssa Michela di Macco.

www.giuliocarloargan.org

27 maggio 2009 – Incontro di Assotecnici sull’ Art. 9

logo_assotecniciMercoledì 27 maggio, ore 17.30 si terrà a Roma (Piazza della Enciclopedia Italiana, 4) l’incontro “Costituzione, art. 9- Un’emergenza nazionale”. Partendo dall’art. 9, l’Assotecnici, che raccoglie i funzionari tecnico-scientifici del Mibac, intende avviare un dialogo, al di là degli schieramenti di appartenenza, sui grandi temi dei beni culturali, dal piano casa alle strutture qualificate sul territorio, alla formazione degli operatori del settore. Parteciperanno: Giuseppe Chiarante (Presidente Onorario dell’Associazione Bianchi Bandinelli), Vittorio Emiliani (Presidente del Comitato per la Bellezza ), Giuseppe Giulietti (deputato, Commissione Cultura, Camera dei Deputati), Fabio Granata (deputato, Commissione Cultura, Camera dei Deputati), Giovanna Melandri (deputato, Commissione Cultura, Camera dei Deputati), Giuseppe Severini (Consigliere di Stato). Coordina: Irene Berlingò (Presidente dell’Associazione Assotecnici).

5 maggio 2009 – Audizione alla VII Commissione (Beni Culturali) del Senato sul Riordinamento del MiBAC

logo-senatoL’Associazione Bianchi Bandinelli è stata ricevuta, insieme con l’Assotecnici, in Audizione alla VII Commissione (Istruzione pubblica e Beni Culturali) del Senato della Repubblica. L’Audizione ha raccolto osservazioni e proposte sullo schema di Regolamento di riorganizzazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. E’ possibile leggere il testo completo completo cliccando sul link qui sotto.

Pagina con il testo completo delle Osservazioni