14 maggio: incontro su “PATRIMONIO REALE E PATRIMONIO VIRTUALE: COMUNICAZIONE, PARTECIPAZIONE, CONDIVISIONE”

I lunedì dell’ABB

ORIZZONTI DELLA TUTELA E DELLA VALORIZZAZIONE

nuove generazioni a confronto

 

14 maggio 2018 – ore 16:00
Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana – Sala Igea, Piazza della Enciclopedia Italiana, 4

PATRIMONIO REALE E PATRIMONIO VIRTUALE: COMUNICAZIONE, PARTECIPAZIONE, CONDIVISIONE

La cultura come forma di partecipazione democratica e di dialogo tra i popoli. Le potenzialità e i rischi della comunicazione del patrimonio attraverso il web e i social network. Il problema della formazione e del reclutamento degli addetti alla comunicazione culturale.

 

Introduce e coordina: Stefania Ventra (Associazione Bianchi Bandinelli)

Intervengono:

Astrid D’Eredità (Archeologa esperta di comunicazione digitale, fondatrice di ArcheoPop)

Federico D. Giannini (Direttore responsabile di Finestre sull’Arte)

Erminia Sciacchitano (Commissione Europea – DG Istruzione e cultura)

 

Seguirà il dibattito con la partecipazione del pubblico e un piccolo rinfresco

Questo evento apre la serie di incontri che l’Associazione Bianchi Bandinelli ha organizzato per il 2018 , con studiosi, funzionari e liberi professionisti delle generazioni che più recentemente stanno cercando di dare risposte ai problemi e alle sfide attuali della tutela e della valorizzazione dei beni culturali, senza minimizzare le gravi criticità ma anche senza farsi incatenare dal disfattismo.

Info: lunediabb@gmail.com

Pagina con il programma complessivo dei Lunedì dell’ABB

 

 

locandina-abb-14-maggio-2018

9 aprile 2013 – Dopo l’incontro a L’Aquila del 5 aprile

2009-12-10_L_Aquila_logo_miniSi è tenuto il 5 aprile  in Palazzo ‘Ignazio Silone’, sede della Giunta regionale d’Abruzzo, l’incontro  “L’Aquila 2013. Se quattro anni vi sembran pochi “, organizzato dal Comitatus Aquilanus e da altri movimenti cittadini, con la collaborazione  dell’Associazione Bianchi Bandinelli. La presidente Marisa Dalai Emiliani  è intervenuta mettendo a nudo le  conseguenze, per il patrimonio storico-artistico,  del lungo commissariamento seguìto  al terremoto del 2009 e  gestito dalla Protezione Civile. In particolare ha lanciato l’allarme per i numerosi beni ecclesiastici danneggiati,  recuperati  e restaurati autonomamente dalla Curia, sottraendoli all’alta  vigilanza degli organi di tutela.